Settimana Santa Iglesias 2018

Processione dei Misteri Martedì Santo - Processione dell'Addolorata Giovedì Santo - Processione del Monte -Venerdì Santo mattina Processione del Descenso - Venerdì Santo sera

27 marzo 2018 ore 07:00
Iglesias » Chiesa di San Michele
http://www.iglesiaseventi24.it/public/folders/100/83823-fotoprofiloarciconfraternita-del-santo-monte--igle.jpg

6 eventi pubblicati

Le grandi processioni della Settimana Santa, particolarmente nelle vecchie Città regie della Sardegna, sono uno dei segni più importanti che la cultura spagnola ha lasciato nella nostra Isola dopo quattro secoli di dominazione. Iglesias non fa eccezione e non solo per questo: è spagnolo il suo nome che vuoi dire appunto chiese (la traduzione del medioevale Villa di Chiesa), sono gotico - aragonesi le volte delle sue chiese principali, è spagnola la sua tradizione più importante: La Settimana Santa.

Il canovaccio delle "tante Settimane Sante iberiche" è anche da noi rispettato.


Si badi non solo l'esteriorità e la forma dell'impianto tradizionale, che pure viene rispettato nei più intimi e non visibili dettagli, quanto lo spirito, la religiosità e la partecipazione che coinvolge la Città che si stringe attorno al suo più antico sodalizio: l'Arciconfraternita del Santo Monte.

L'impianto attuale dei tradizionali riti della Settimana Santa è degli ultimi decenni del Seicento ma sicuramente già dapprima processioni penitenziali in Quaresima e Settimana Santa dovevano essere la regola, la presenza dei Disciplinanti in Città nei secoli precedenti né da prova sicura. Il concorso popolare fu dall'inizio un fatto essenziale e risolutivo: le tre confraternite del popolo, S. Chiara, S. Cristo e S. Lucia, rappresentavano quest'ultimo in processione e così via anche gli altri sodalizi confraternali man mano che si istituivano.

Il concorso del popolo è anche sottolineato dalla presenza, nelle processioni del Giovedì e Venerdì Santo, di moltissimi bambini che vestono l'abito da baballottis.

Dalla Domenica delle Palme, lglesias entra in un clima particolare quasi che il tempo andasse a ritroso; i nostri tempi hanno cancellato molte delle nostre radici storiche e tradizionali ma non la Settimana Santa, essa si "sente" nelle strade e nei vicoli della Città vecchia: c'è attesa per le processioni, specialmente per quella del Venerdì sera, c'è specialmente un sentimento collettivo di pietà e mestizia per la Passione di Gesù che dopo duemila anni suscita commozione come se si ripetesse per davvero.

Riviviamo, descrivendole qui di seguito, le varie manifestazioni che l'Arciconfraternita del Santo Monte ci propone durante la Settimana Santa.

Il Martedì Santo la prima Processione, quella dei Misteri: sette sculture lignee che raccontano la Passione. Il primo mistero: Gesù che prega nell'orto degli ulivi; ulivo vero, un alberello issato nella portantina con fiori ed essenze mediterranee: alloro, rosmarino, lavanda, ecc. Questo è il contorno di Gesù in preghiera. Seguono la Cattura, la Flagellazione, l'Incoronazione, la Salita al Calvario, la Crocifissione e la Vergine Addolorata.

Il Mercoledì Santo i rami d'ulivo ed i fiori che adornavano il giorno precedente Gesù che prega nell'orto degli ulivi, vengono distribuiti, una volta benedetti, ai fedeli che affollano la Chiesa di S. Michele per la S. Messa dedicata ai Confratelli defunti. I Confratelli del S. Monte assistono per il precetto Pasquale; al termine della liturgia il Vescovo benedice i fedeli con la reliquia del Lignum Crucis.

Giovedì Santo: è un giorno tra i più importanti per tutta la cristianità: si commemora l'ultima cena, l'istituzione dell'Eucarestia, del sacerdozio; l'inizio della Passione di Gesù. E' un giorno denso di avvenimenti e di significati: due Messe battono il tempo di questa lunga giornata: al mattino quella del Crisma (nella nostra come in tutte le altre cattedrali) e alla sera quella in Coena Domini. Dopo, in tutte le Chiese, si legano le campane (si scioglieranno nel Gloria della veglia pasquale del Sabato Santo), il Santissimo Sacramento viene solennemente riposto in una cappella laterale riccamente addobbata, l'altare della reposizione o i sepolcri, come comunemente vengono chiamati ed infine si esce per la visita alle chiese, o meglio a tali altari dove il Santissimo Sacramento è solennemente esposto. L'addobbo, oltre a veli, tappeti, fiori e candele prevede "Su Nenniri " : vasi nei quali all'inizio della Quaresima vengono seminati grano e lenticchie. Essi cresceranno in perfetta oscurità dando un fogliame bianco-giallastro, arruffato e ricadente per le lenticchie ed eretto per il grano. L'effetto, a parte le vecchie reminiscenze che li riporta ai giardini di Adone, è quello di mitigare il colore dei fiori e dei tessuti, quasi riordinandone la quantità e rendendola attinente al particolare momento. I Baballottis sono i protagonisti della Settimana santa: bianchi, incappucciati, senza volto e senza tempo, si materializzano in questo giorno; di tutte le età, qualcuno ancora in braccio, qualche altro già nonno da parecchio tempo. Essi invadono le vie del centro storico già prima delle processioni delle quali sono i protagonisti. Il loro appellativo, in sardo animaletto, piccolo insetto, è avvolto nel mistero ma il loro abito ricorda molto quello degli antichi Disciplinanti, o Batus in spagnolo. E' un abito penitenziale quindi, da indossare in Settimana Santa. E' tarda sera quando dall'Oratorio del Santo Monte, la Chiesa di San Michele, sortisce la processione dell'Addolorata. La Madonna che cerca Gesù prima di essere arrestato, cosi la pietà popolare da giustificazione a questa secolare pratica. La croce e il simulacro della Vergine della Pietà fanno una breve sosta nelle Chiese del centro storico. Fuori il chiasso assordante delle matraccas (specialmente in apertura del corteo is matracconis, enormi) e di un solo tamburo caratterizzano la parte iniziale e la staccano dall'ultima parte della processione caratterizzata invece da un silenzio altrettanto invadente, dove i Germani del Santo Monte e la statua della Vergine ne sono protagonisti.

Il venerdì mattina la terza Processione: la Processione del Monte; l'antico Quartiere di Sa Costera fa da palcoscenico al dramma della salita al Calvario.

La "Via Dolorosa" ha come protagonisti il simulacro di Gesù con la croce e quello dell'Addolorata che l'accompagna. Si rivisitano le varie chiese con un corteo processionale simile a quello del giorno precedente: matracconis, un solo tamburo, croce dell'Arciconfraternita, Baballottis, Confraternita del Santissimo Sacramento, simulacri e Germani del santo Monte che precedono, come in tutte le processioni scortandola, la statua della loro titolare, la Vergine della Pietà. I piccoli Baballottis portano oltre la matracca, una piccola croce nera. Nel primo pomeriggio, dopo le tre, si ripete, nel riserbo dell'oratorio del Santo Monte e alla presenza dei soli Confratelli, la pia pratica del "Su Scravamentu": gli Obrieri del Descenso schiodano il bel crocifisso seicentesco dalla croce (è snodabile) e lo depongono in "Sa lattera", la lettiga.

A tarda sera la più attesa delle Processioni, quella del Descenso. Un frammento di sacra rappresentazione del funerale di Gesù viene incastonato nel corpo processionale classico: due grandi stendardi, "Is Vessillas", precedono il "San Giovanni e la Maddalena", due maschietti vestiti con abiti orientaleggianti guarniti di monili d'oro; seguono "Is Varonis", i nobili, "Giuseppe d'Arimatea e Nicodemo" con due inservienti con le scale della deposizione. Anche la foggia del loro vestire è orientaleggiante e, sia le folte barbe che il loro incedere impettito, conferiscono ad essi un aspetto grave, serio e signorile. Ancora indietro l'artistico e venerato simulacro del Gesù Morto, tra luci e lampioni, ricoperto da un velo di tulle e sotto un baldacchino bianco segno di regalità; il vero funerale di Gesù fu sicuramente povero e veloce, esso viene rivisto con occhi spagnoleggianti, barocchi, con pompa e ricchezza di orpelli ma anche con la fede, la devozione e il compianto per il figlio dell'Uomo che muore per noi. Seguono i Germani del santo Monte con l'Addolorata che stasera stringe al petto la corona di spine; poi in ultimo, la gran croce nera portata a spalle da penitenti senza abito o segno particolare.

ORGANIZZAZIONE

Arciconfraternita della Vergine della Pietà del Santo Monte

Sito internet: http://www.arciconfraternitasantomonteiglesias.org/

Tags

#Eventi

Metti in evidenza il tuo Evento

Metti in evidenaza il tuo evento e raggiungi migliaia di utenti. Scopri le offerte a te riservate.

Offerte per gli eventi

Metti in evidenza la tua Impresa

Hai una azienda? Noi possiamo darti visibilità. Controlla le promozioni che ti abbiamo riservato. Clicca sul bottone qua sotto.

Offerte per le imprese

Contribuisci anche tu

Crea anche tu nuovi contenuti per SardegnaEventi24.it ed entra a far parte della community!

Segnala un evento

Scrivi un articolo

Diventa reporter

#Instagram

#Community

Classifica per eventi e articoli inseriti, visualizzazioni e condivisioni

I più popolari della settimana

Eventi visti: 13073
Notizie viste: 7789
Eventi visti: 7307
Notizie viste: 0
Eventi visti: 5926
Notizie viste: 172
Eventi visti: 4317
Notizie viste: 563
Eventi visti: 2644
Notizie viste: 8

I più attivi della settimana

Eventi inseriti: 13
Notizie inserite: 0
Eventi inseriti: 7
Notizie inserite: 3
Eventi inseriti: 2
Notizie inserite: 0
Eventi inseriti: 2
Notizie inserite: 0
Eventi inseriti: 1
Notizie inserite: 0